Cosa vedere a Conversano: il borgo dal fascino medioevale, dove si apprezza tutto il lusso della lentezza

Conversano è una piccola cittadina dai tratti raffinati che sorge non lontano dal mare della bella Puglia e dista solo 30 km da Bari e 10 da Polignano a Mare.
Ha origini agricole questo borgo pugliese, risalenti all’età del ferro, ed è famoso per le sue deliziose ciliegie.

Prima si chiamava Norba e fu fondata da popoli indigeni con mura di pietre possenti, e innalzata su una collinetta un po più in alto rispetto al resto del territorio.

Il suo centro storico, completamente pedonale, è protetto nella sua fortificazione e si distingue dal resto della città quasi come a volersi difendere, oggi, come un tempo, o semplicemente a preservare la sua bellezza.

Cosa vedere a Conversano
Cosa vedere a Conversano © copyright Rino Peluso

Ha un fascino tutto suo Conversano, la città delle murge, dalle Mura Megalitiche che ci raccontano il suo passato. Un passato ricco di dominazioni, che ha visto i Bizantini i Longobardi, i Principi di Salerno e tanti altri sino agli ultimi signori di casa: i conti di Acquaviva di Aragona.

E sa di storia e di arte quando la attraversi, con i suoi maestosi monumenti, e sa di cultura nelle sere estive o autunnali quando si anima di eventi, di concerti o di feste popolari, e sa di buon cibo nei suoi ristorantini e nei locali sparsi.

Conversano è un ottima scelta per la scoperta di storia, di arte e di cultura, di una meta fuori dai luoghi comuni.

Trova un hotel o un Bed and Breakfast nel borgo di Conversano

Cosa vedere nel borgo di Conversano

  • Piazza della Concordia
  • Castello di Conversano
  • I vicoli del centro storico
  • Cattedrale di Santa Maria Assunta
  • Monastero di San Benedetto
  • Castello Marchione

Piazza della Concordia

La piazza, da sempre, è il cuore di ogni borgo. Tutti arrivano o partono da qui.
E anche in questo caso, la piazza che ospita il bel castello, sarà il punto di riferimento ovunque ci troviamo. È Piazza della Concordia, anche se gli abitanti preferiscono chiamarla Largo della Corte, e per secoli, qui, si è svolta la vita dei conti che l’hanno abitata.

Piazza della Concordia
Piazza della Concordia

È davvero ampia questa piazza, si può danzare in questa piazza, si può cantare, si può persino correre. È da qui che facciamo ingresso al centro storico, e ci accolgono in ordine di arrivo il castello, la cattedrale e il Monastero di San Benedetto. Andiamo!

Il Castello di Conversano

L’imponente castello è il primo padrone di casa che abbiamo il piacere di incontrare. Bello ed elegante arreda l’intera piazza. Fu costruito in epoca normanna come forte ma il suo volto è stata più volte ritoccato nel corso degli anni e oggi ha le sembianze di una lussuosa dimora. E’ stato la residenza dei conti per secoli. Affascinante è il torrione circolare del Trecento, il baluardo poligonale del XV secolo e il cortile che sfoggia romanticamente il suo loggiato rinascimentale.
Nel castello da visitare è la pinacoteca comunale dove sono esposte le 10 tele del pittore napoletano Finoglia raffiguranti la “Gerusalemme Liberata”, poema del Torquato Tasso.

Il castello di Conversano
Il castello di Conversano © copyright Rino Peluso
La torre di Conversano
La torre di Conversano © copyright Rino Peluso

I vicoli del centro storico

Dall’ampia Piazza della Concordia con il castello, poi, si abbandonando gli spazi ampi per inoltrarsi in un ambiente più intimo e raccolto, nei suoi vicoletti, nell’intrico di stradine bianche colorate dai fiori dei balconi, e ci si immerge a piccoli passi, che sia una sera d’estate o un pomeriggio d’inverno, tanto qua nessuno va di fretta, per fortuna si vive ancora a ritmi lenti.

Vicoletto di Conversano
Vicoletto di Conversano

Trova un hotel o un Bed and Breakfast nel borgo di Conversano

La Cattedrale di Santa Maria Assunta

Continuando a “borgare” nelle strade del centro storico, non passa certo inosservata la bella Cattedrale di Santa Maria Assunta: la Cattedrale di Conversano. Con una facciata a forma di capanna e un rosone quattrocentesco rispecchia a pieno lo stile romanico pugliese. Fu costruita tra il XI e il XII e ha un interno a tre navate separate da colonne con capitelli che si ispirano all’arte bizantina.
Prezioso è un affresco di scuola pisana che si conserva nel suo interno, raffigurante un Crocifisso ligneo e l’icona della Madonna della Fonte, nonché la patrona del borgo di Conversano.

La Cattedrale di Santa Maria Assunta
La Cattedrale di Santa Maria Assunta © copyright Rino Peluso
Portale Cattedrale Santa Maria Assunta Conversano
Portale Cattedrale Santa Maria Assunta Conversano

Monastero di San Benedetto

Proseguendo, alle spalle della cattedrale di Conversano giungiamo all’antico Monastero di S. Benedetto, dalle origini antichissime, e per un tempo gestito da un ordine femminile di suore cistercensi. Tutt’oggi visibili i resti dell’antico chiostro romanico da cui si accede ad una cripta pre-romanica che conserva un affresco del 1584: la Pietà, con sullo sfondo il borgo di Conversano durante quegli anni.
Nella cripta, troviamo anche uno dei troni su cui sedevano le Badesse.

Il Monastero di San Benedetto
Il Monastero di San Benedetto © copyright Rino Peluso

Il Castello Marchione

Spostandosi leggermente fuori dal centro, un’altra visita che consigliamo è quella al Castello Marchione, costruito come casino di caccia dei conti Acquaviva, che qui a Conversano sono stati per tanti anni i signori di casa. Nel 700 questa residenza era circondata da circa 1260 ettari di folti boschi di querce.

I dintorni di Conversano

Per chi avesse più tempo a disposizione Conversano è un ottimo punto di partenza per altre mete. Come dicevamo dista solo 30 km da Bari, è vicinissima a Polignano a Mare, ad Alberobello, alle Grotte di Castellana, Monopoli e tanti altri posti di questa meravigliosa terra che è la Puglia.

Buona “borgata” a tutti!

Hotel a Conversano

Se state cercando un hotel o un B&b a Conversano vi consigliamo di scegliere tra quelli offerti da Booking.com